È il vento?

Tutto tace.

D’improvviso un lamento innerva il silenzio con una strana inquietudine.
Mi guardo attorno.

Nulla.

E poi ancora.

Finalmente riesco a sentirlo più definito. È il cigolare del legno, somigliante al rumore di una vecchia porta socchiusa che si muove sui suoi cardini arrugginiti.

È il vento il maestro di quest’orchestra, che si compone anche di foglie che cadono sulla roccia e poi a terra, dei capelli che si muovono svogliati sul viso, delle fronde che si abbracciano e si allontanano, un distacco interminabile che mormora, sospira, geme e lascia passare i raggi di un sole meravigliato.

È una mattina nel bosco, sotto la parete, e io sto osservando una fessura che scorre verso il cielo. È il mio viaggio, un altro.

Trattengo i miei pensieri, per non lasciarli al vento, e ci provo, ancora una volta, ad abbandonare quell’impulso.

Ma no, io salgo.

E poi si vedrà.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: